3 QUESTIONS FOR: Aurore Piette | IsolaDD


Designer's Name: Aurore Piette

Design Studio: Aurore Piette Studio

1. Where do you get your inspiration from?

Nature & Craft: My main inspiration is my close environment, nature, and my unique workshop, the ocean. Indeed, my work is defined by the use of discarded sedimentary materials from the French Atlantic coast. Also, as craftswoman of the sea, I establish my own techniques, those are also inspired by ancestral craft.

2. The 3 books that every designer should read.

N°1: The Unknown Craftsman, Yoesti Yanagi, empowers craft, products and makers as social actors.

N°2: Wabi Sabi, for Artists, Designers, Poets & Philosophers, Leonard Koren, redefines the notion of beauty and releases us from the standardised aesthetic of the current overproduction system.

N°3: Radical Matter, Rethinking materials for a sustainable future, Kate Franklin and Caroline Till, to get inspired by innovative visions of design, established from its common origin: material.

3. What’s your mission?

As a creative, I aim to propose another vision of production by co-working with our main collaborator: nature. I believe that design can lead to rethink our definition of fabrication, as my work does by initiating a neo Craft.

Interview realized on March 18 2020.

ITA

3 QUESTIONS FOR: Aurore Piette | IsolaDD

Nome Designer: Aurore Piette

Design Studio: Aurore Piette Studio

1. Da dove trai ispirazione?

Natura & Artigianato: La mia ispirazione principale è l'ambiente che mi circonda, la natura, e il mio laboratorio unico, l'oceano. In pratica, il mio lavoro è definito dall'uso di materiali di scarto sedimentati nella costa atlantica francese. Inoltre, come artigiana del mare, stabilisco le mie stesse tecniche, anche queste ispirate all'artigianato ancestrale.

2. I 3 libri che ogni designer dovrebbe leggere

N°1: The Unknown Craftsman di Yoesti Yanagi: promuove l'artigianato, i prodotti e i produttori come attori sociali.

N°2: Wabi Sabi, per Artisti, Designer, Poeti e Filosofi di Leonard Koren, ridefinisce il concetto di bellezza e ci libera dall'estetica standardizzata dell'attuale sistema di sovrapproduzione.

N°3: Radical Matter, Rethinking materials for a sustainable future di Kate Franklin e Caroline Till, per ispirarsi a visioni innovative del design, stabilite dalla sua origine comune: il materiale.

3. Qual è la tua missione?

Come creativa, punto a proporre un'altra visione della produzione lavorando con il nostro principale collaboratore: la natura. Credo che il design possa portare a ripensare alla nostra definizione di produzione, come fa il mio lavoro con la creazione di un nuovo concetto di artigianato.

Intervista redatta il 18 Marzo 2020.

Featured Posts
Archive
Search By Tags