TEAM BALANCO @IsolaDD19

Have you ever heard of the "Hakoniwa" philosophy, the so-called "miniature garden"?

In Japanese tradition it's considered a place where you can find your own well-being, in the company of natural elements, in the zen philosophy in this type of garden, each element becomes the expression of a concept, ending up creating a real landscape.

© Team Balanco

For the Milan Design Week, the rooms of the Fonderia Napoleonica Eugenia, in the heart of the district, will present an itinerary between the experimental projects of the Japanese ENZO Satoru Tabata and DAIKEN Eiji Suzuki (they work together for Team Balanco), the suspended installations of Jukai (Marta Fumagalli and Riccardo Piovano) and the enveloping and immersive sculptures of Barbara Crimella.

"We think that the Fuorisalone in Milan is the best place to present our new projects - say the Japanese designers - we also think that the style of these furnishings is very much in tune with Italy. For this reason we are rather curious to see the reactions of the public who will come to visit us at the Foundry".

Furniture like small green islands, inspired by the traditional Japanese idea of "Hakoniwa", but this time "full size", where people can enter a magical suspended garden.

A perfect meeting point between design, architecture, artisan tradition and landscape.

The two architects ENZO Satoru Tabata and DAIKEN Eiji Suzuki, both from the Japanese district of Gifu where they collaborate in the "TEAM BALANCO", will bring their unique prototypes of furniture to Isola Design District.

For the occasion they will exhibit the following works:

  • The "Intree table", with 5 or 9 seats, an organic table in harmony with the natural environment, has slightly swinging chairs placed in a raised position that give the feeling of floating together with the trees integrated into the structure. It is a small space at the same time intimate and able to create opportunities for meeting and communication.

  • The "Balanco table", with 2 or 8 seats, takes its name from a Portuguese term with the meaning of "oscillating". It is a suspended table that wants to create a sense of community in the architectural space. Waving is an emotion that captures those who experience it, a movement that makes each person feel part of a group.

For a week the Fonderia Napoleonica will be transformed into a charming garden, where the public will also find an area with installations by JUKAI (Marta Fumagalli and Riccardo Pirovano) and the sculptor Barbara Crimella. These are sinuous organic structures in materials such as wood, paper and brass and in dialogue with space, both inspired by nature, like a frame of a landscape in motion, suspended and undulating. On the other hand, the mission of the working group "BALANCO" is precisely to plan the transformation of places and environments of life of people.

Valeria Zanoni supplies all the greenery to Japanese designers, while Cereda Legnami and Traforart are the technical sponsors of the "Italian group".

ITA

Avete mai sentito parlare della filosofia ‘’Hakoniwa’’, il cosiddetto ‘’giardino in miniatura’’?

Nella tradizione giapponese è considerato un luogo in cui è possibile ritrovare il proprio benessere, in compagnia degli elementi naturali, nella filosofia zen in questo tipo di giardino, ogni elemento diviene espressione di un concetto, finendo per creare un vero e proprio paesaggio.

Per il Fuorisalone Milanese, gli ambienti della Fonderia Napoleonica Eugenia, in pieno centro del distretto, presenterà un itinerario tra i progetti sperimentali dei giapponesi ENZO Satoru Tabata e DAIKEN Eiji Suzuki (lavorano assieme per Team Balanco), le installazioni sospese di Jukai (Marta Fumagalli e Riccardo Piovano) e le sculture avvolgenti e immersive di Barbara Crimella.

“Pensiamo che il Fuorisalone a Milano sia il luogo più adatto per presentare i nostri nuovi progetti – raccontano i designers nipponici – pensiamo anche che lo stile di questi arredi sia molto in sintonia con l’Italia. Per questo siamo piuttosto curiosi di vedere le reazioni del pubblico che verrà a visitarci alla Fonderia”.

Mobili come piccole isole verdi, ispirate all’idea tradizionale giapponese di “Hakoniwa”, ma questa volta “full size”, dove le persone possono entrare in un magico giardino sospeso. Un perfetto punto d’incontro tra design, architettura, tradizione artigiana e paesaggio.

I due architetti ENZO Satoru Tabata e DAIKEN Eiji Suzuki, entrambi originari del distretto nipponico di Gifu dove collaborano nel “TEAM BALANCO”, porteranno a Isola Design District i loro prototipi di arredo unici nel loro genere.

Per l’occasione esporranno i seguenti lavori:

  • L’“Intree table”, da 5 o da 9 posti, un tavolo dalla forma organica in armonia con l’ambiente naturale, è dotato di sedie leggermente oscillanti collocate in posizione rialzata che danno la sensazione di fluttuare insieme agli alberi integrati nella struttura. È un piccolo spazio nello stesso tempo intimo e capace di creare occasioni di incontro e comunicazione.

  • Il “Balanco table”, da 2 o da 8 posti, prende il nome da un termine portoghese con il significato di “oscillante”. È un tavolo sospeso che vuole creare un senso di comunità nello spazio architettonico. Ondeggiare è un’emozione che cattura chi la prova, un movimento che fa sentire ogni persona seduta parte di un gruppo.

Per una settimana la Fonderia Napoleonica si trasformerà in un suggestivo giardino, all’interno del quale il pubblico troverà anche un’area con le installazioni realizzate da JUKAI (Marta Fumagalli e a Riccardo Pirovano) e dalla scultrice Barbara Crimella. Si tratta di sinuose strutture organiche in materiali come il legno, la carta e l’ottone e in dialogo con lo spazio, entrambe ispirate alla natura, come un fotogramma di un paesaggio in movimento, sospeso e ondeggiante.

D’altra parte la mission del gruppo di lavoro “BALANCO” è proprio quella di progettare la trasformazione dei luoghi e insieme degli ambiti di vita delle persone.

Valeria Zanoni fornisce tutto il verde ai designer giapponesi mentre Cereda Legnami e Traforart sono gli sponsor tecnici del “gruppo italiano”.

Featured Posts
Archive
Search By Tags